• Suonare News - Gennaio 2022
    L'ottava nota di Luca Ciammarughi

IMG_0466_edited.jpg

”...questa bella incisione è un omaggio alla Catalogna romantica e contemporanea. Palazzesi ne rievoca la modernità attraverso il tentativo di affidare alla chitarra l'eredità del liuto barocco più che del pianoforte.

Quasi come i Rameau e i Couperin di Debussy e Ravel. Una delizia”.

Dino Villatico, 22 giugno 2019 (la Repubblica)

”Accostare Bach a Tárrega è una sfida a cercare le affinità di mondi musicali così diversi. Una è la limpidezza della scrittura contrappuntistica. Ma poi Palazzesi, che di Bach suona una trascrizione dal violoncello, accetta anche la sfida timbrica. E coglie nel segno. Il timbro è piegato a decifrare il contrappunto. Fraseggio libero e fluido fanno il resto. Una meraviglia, Preludio fuga e allegro di Bach, alla fine. Ma alla radice c'è la mutevolezza

dei ritmi, che trascorre da una danza all'altra. Il contrappunto esalta i timbri della chitarra”.

Dino Villatico, 14 aprile 2019 (la Repubblica)

  • La lettura - Corriere della Sera 
    Emilia Costantini, 12 Luglio 2020

2020-07-12 - Corriere della Sera La Lettura.jpg

“Sul palcoscenico del Poliziano, immerso nella penombra, come evocati da notturna quiete, Michela Cescon e Alessio Boni sono latori e destinatari, docili e trafelati, di questo scambio epistolare, testimone di un male di vivere che teatralmente si insinua fra le schegge sonore dello stesso Henze eseguite alla chitarra da Giacomo Palazzesi”. 
Il Manifesto 
Gabriele Rizza, Agosto 2020